Il glutatione, la sostanza antiossidante più potente del nostro organismo

Il glutatione, l'antiossidante più potente del nostro organismo

La sostanza antiossidante più potente del nostro corpo è prodotta dal fegato e si chiama Glutatione (GSH).

Si tratta di uno speciale tripeptide (ovvero di una sostanza composta da 3 amminoacidi – acido glutammico, cisteina e glicina) con un’importante peculiarità: proteggere le proteine ed i composti ossidabili dalla dannosa azione dei radicali liberi.

I radicali liberi (generati da tantissimi fattori tra cui: fumo, alcol, droghe, smog, inquinamento, radiazioni UV, stress, farmaci ma anche da reazioni che avvengono all’interno delle cellule) possono causare gravi danni alle cellule a partire da alterazioni a livello della membrana cellulare, del nucleo e degli organuli presenti nella cellula, fino ad arrivare ad alterazioni funzionali che possono portare la cellula a necrosi o all’apoptosi (morte cellulare programmata).

La mancanza di bilanciamento  tra i danni provocati dai radicali liberi e le difese contro i radicali liberi stessi, porta alla rottura dell’equilibrio fisiologico, con l’instaurarsi di una condizione chiamata stress ossidativo.

Per questo le sostanze antiossidanti svolgono un ruolo cruciale: sono, infatti, tra i protagonisti del benessere del nostro corpo.

Il Glutatione appartiene alla categoria di enzimi con azione antiossidante: la particolare struttura chimica lo rende protagonista di reazioni di ossido-riduzione in cui, nella forma ridotta, neutralizza i radicali liberi, per poi acquisire di nuovo potere antiossidante grazie alla sua rigenerazione.

Questa sua capacità lo rende il più potente antiossidante del corpo umano.

Tuttavia il Glutatione prende parte anche ad altri processi: contribuisce alle difese immunitarie, protegge cellule e tessuti, sintetizza proteine.

Ma ci sono delle importanti limitazioni.

L’introduzione nell’organismo di questa sostanza tramite fonti esterne (per esempio, con la dieta) non aumenta la sua concentrazione all’interno delle cellule – che è variabile e si aggira da 1 a 10 mM – perché la sua natura peptidica lo rende substrato di enzimi del canale alimentare (peptidasi e proteasi) che lo digeriscono: questo è alla base della sua scarsa biodisponibilità.

Pertanto il Glutatione, fornito come tale, non è in grado di penetrare nei tessuti non essendo capace di attraversare le membrane cellulari.

Renovase® è un  innovativo ingrediente che ha dato vita alla Linea Dermocosmetica Professionale Renovase Derma.

Frutto dell’unione di Glutatione ed Acidi Grassi Essenziali (AGE), permette al Glutatione di penetrare nelle cellule ripristinando le corrette difese antiossidanti!

Recommended Posts